E poi un giorno la luce, il pianto, non di sofferenza, ma quasi di commozione. La mano di Dio su una nuova anima; un altro progetto di amore di Nostro Signore. Ed ecco una nuova vita inizia a camminare, tra sassi ed erba, tra spine e rose; ci saranno giorni in cui vorrai mollare tutto, giorni in cui avresti preferito non esistere, in cui scoprirai di aver scelto la cosa sbagliata, credendo di non poter fare più niente.

No! No, non arrenderti, affidati a Dio… …Ed ecco che trovi l’amore, ritrovi la vita e la speranza per chi come te ha sofferto e soffre. Poi un giorno la malattia, ti senti abbandonato ma, non è così. Ritrovi ancora la forza in Lui; così vivrai per tutta la tua vita, tra alti e bassi, tra gioia e sofferenza, tra grazia e peccato… Un giorno un sottile velo ti riporterà al Creatore e di nuovo il pianto, un pianto ancora di commozione se avrai vissuto con Lui: inizia una nuova vita, quella vera.

Matteo Farina

No! No, non arrenderti, affidati a Dio

14 ottobre 2018 Dal vangelo secondo Marco 10, 17-30 “…… Maestro buono, cosa devo fare per avere in eredità la vita eterna?……”Una cosa sola ti manca: va’, vendi quello che [...]

07 ottobre 2018 Dal Vangelo secondo Marco 10, 2-16 “… è lecito ad un marito ripudiare la propria moglie?. Gesù rispose loro:”Che cosa vi ha ordinato Mosè?”. Dissero:”Mosè ha permesso [...]