Cosa penso della religione?
Ho sempre studiato che il termine indica il rapporto tra l’uomo e un essere soprannaturale, Dio, e sinceramente sono pienamente d’accordo con questa definizione. Se poi questo “Dio”, come nella religione cattolica (che io professo) diviene anche padre, fratello e amico, essere religioso non diviene un obbligo, un peso, perché capisci che c’è qualcuno, infinitamente, più grande di te, che ti ha amato da sempre, e ti ha desiderato ancor prima che nascessi. L’amore di Dio è così grande che Egli ha inviato il suo unico figlio sulla Terra e lo ha offerto in espiazione dei nostri peccati. Forse alcune delle frasi che ho detto possono sembrare frasi imparate dal Catechismo, ma questo è ciò in cui credo. Riconosco la bella fede che ho, ma non ho intenzione di vantarmene, perché so bene che tutto è dono Suo. Per arrivare a questo punto, però, il percorso è stato lungo e anche tanta strada c’è da fare. Ricordo bene come da bambino andare a Messa o a pregare era per me un peso, un obbligo “impostomi” dai miei genitori. Facevo fatica a capire perché bisognava impiegare il tempo in quel modo, perché non era possibile, magari fare qualcosa di più divertente…Oggi, però, col senno di poi, benedico e ringrazio Dio per avermi mandato dei genitori che mi hanno avvicinato alla preghiera; ritengo infatti che l’ateismo di molti miei coetanei (ma in generale di tanta gente) sia proprio dovuto al fatto di non aver conosciuto Dio, non averne sentito parlare mai o comunque troppo poco, specialmente in famiglia. Del resto, se non conosci il Signore, non capirai mai quanto è presente nella tua giornata, non solo nei grandi gesti, ma anche nelle piccole azioni: il concetto di soprannaturale resterebbe quindi solamente una fantasia. Certo, ammetto che la ricerca di Dio non è facile e nel cammino sono tanti i dubbi in cui si incorre, problemi che io stesso ho affrontato, cercando una soluzione che, nella maggior parte dei casi, sono riuscito a trovare grazie all’aiuto di sacerdoti, parenti e amici (l’allegoria della creazione, la verginità di Maria, la veridicità della Bibbia e dei Vangeli, ecc). È pur vero però che siamo solo uomini, e sebbene ci sforziamo non potremo mai spiegarci “Dio”, i suoi misteri, altrimenti la sua stessa grandezza infinita verrebbe meno, arrivando a confrontarci con un essere al nostro pari.Per questo, quando per esempio mi pongo delle domande a cui è difficile rispondere, riconosco il mio limite umano e a quel punto entra in gioco la fede (“Se lo comprendi non è Dio” diceva S. Agostino). In questo modo quindi ogni ostacolo, nel cammino spirituale resta pur sempre un pericolo per la propria fede, ma se ci si affida a Lui il problema diviene costruttivo e ci aiuta a crescere. Mi soffermo infine su un ultimo argomento, una motivazione per cui molti non vanno in chiesa: “Credo in Dio ma non nella Chiesa perché è ricca e ha fatto tanti errori in passato”. Secondo me questa è soprattutto un “alibi” che molti creano per paura di venire a contatto con Dio, perché il messaggio di Cristo è “scomodo”. È vero che una maggiore povertà non farebbe male alla Chiesa, intesa come ricerca della semplicità, ma è pur vero che la maggior parte dei beni in possesso di questa istituzione derivano da offerte, a volte anche molto cospicue, di devoti. E che dobbiamo evitare le offerte?! Dobbiamo carcerare chi “si permette” di sostenere in denaro un’istituzione voluta da Cristo stesso?!Ultimo argomento è infine il problema storico. La Chiesa infatti ha compiuto tanti errori in passato, ma essa, sebbene sposa di Gesù, è pur sempre composta da uomini che, come tali, possono sbagliare. Si può ben capire però che, per una mente critica ed un cuore aperto, ciò non va assolutamente a minare la veridicità e l’attualità del messaggio di Cristo. Ci sarebbero da scrivere ancora tante e tante pagine, ma non desidero dilungarmi; spero solo che tutti possano seguire questo cammino che li porti alla conoscenza di Dio: conoscerlo significa amarlo!

No! No, non arrenderti, affidati a Dio

Decennale della nascita al Cielo del Servo di Dio Matteo Farina 24 APRILE 2009. Matteo Farina, diciannovenne di Brindisi, conclude la sua parabola terrena lasciando dietro di sé la fama [...]

Un altro passo avanti Carissimi Amici di Matteo è con gioia che comunico che la causa di Matteo ha fatto un altro passo avanti. Giovedì 28 marzo in qualità di [...]

19 maggio 2019 Gv. 13, 31-35 “……Vi do  un comandamento nuovo: che vi amiate gli uni gli altri; come io vi ho amato, così amatevi anche voi gli uni gli [...]

Gv. 10, 27-30 “Le mie pecore ascoltano la mia voce e io le conosco ed esse mi seguono… “ In questa domenica l’accento è posto sul Risorto che apre tutte [...]