Quest’estate è trascorsa a dir poco fantasticamente. Perché? Perché finalmente ho fatto ciò che veramente mi piace: ho potuto alternare il divertimento dello sport alla cura dell’anima. Non è stata la solita vacanza che, spera solo per il divertimento, non lascia altro che il rimpianto di tornare a scuola. No! Sono riuscito ad allargare il concetto di Messa, non come il solito incontro domenicale ma anche infrasettimanale, un momento che potrebbe essere visto come un peso ma che in realtà è un sollievo, la gioia di poter ricevere il Corpo di Cristo, anche se indegni. Lo sentivo, sentivo il Suo Spirito dentro di me che mi induceva a compiere il bene, azioni che mi hanno dato più gioia di qualunque altra ne abbia fatto. Quanto sarebbe bello lasciare tutto e vivere come Gesù ci dice…Ma intanto la scuola è ricominciata e il dovere dello studio mi impedisce di vivere come vorrei. Ho pensato molto a questo fatto: certamente la mia vita non potrà mai essere una vacanza. È chiaro che a riposo anima e corpo si fondono con più armonia, ma è anche vero che volontà di Dio non è solo fare il bene in vacanza, ma è soprattutto accettare le fatiche di È difficile… ma la via per il bene è stretta e tortuosa. Ho letto più volte che la mia è un’età di cambiamenti, di attente riflessioni e di decisioni, che porteranno poi alla formazione della nostra personalità futura. Sono d’accordo! È da quest’estate, anzi meglio, dalla mia permanenza a Milano, che riflessioni del genere, in particolare sulla ricerca di Dio, sono eco fissa nel mio cuore. Non c’è giorno in cui non pensi a Lui ed ai progetti che ha preparato per noi. Mi piacerebbe tanto riuscire a capire la mia strada, non come un banale oroscopo, ma per cercare di non contrastare mai il Suo piano con me. Il tempo passa è sto crescendo…e sono contento di vivere così. Il Signore è vicino a chi lo cerca! Credo quindi che l’obiettivo principale di ognuno sia proprio la ricerca di Dio, sperando di arrivare un giorno alla Sua presenza. “La strada è lunga ma la grinta c’è. Siamo ragazzi che si fanno avanti, siamo qui per Te!”

Matteo Farina

No! No, non arrenderti, affidati a Dio

ECCEZIONALMENTE questo mese l’incontro di preghiera si terrà il 26 maggio!

Decennale della nascita al Cielo del Servo di Dio Matteo Farina 24 APRILE 2009. Matteo Farina, diciannovenne di Brindisi, conclude la sua parabola terrena lasciando dietro di sé la fama [...]